File Download

There are no files associated with this item.

  Links for fulltext
     (May Require Subscription)
Supplementary

Article: A Global Vernacular? Musing on European Art Music in Hong Kong

TitleA Global Vernacular? Musing on European Art Music in Hong Kong
Un Dialetto Globale? Riflessioni sulla musica d'arte Europea a Hong Kong
Authors
Issue Date2014
Citation
Musica Docta, 2014, Special issue, p. 105-109 How to Cite?
AbstractIl saggio presenta in forma concisa alcune delle domande e suggestioni metodologiche emerse durante la mia attività di ricercatore e insegnante di musicologia a Hong Kong. L'ex colonia britannica presenta opportunità uniche a chi si voglia occupare di musica, anche occidentale colta. Quest'ultima è però preda dalla vocazione prettamente imprenditoriale della città, la quale, nel facilitare la promozione di attitivita' che in Italia fanno fatica a trovare adeguati finanziamenti, ne snatura il ruolo e le finalità. Hong Kong rimane per questo terreno fertilissimo per chi voglia osservare da vicino processi di acculturazione e mediazione. A conclusione dell'intervento, riprendo alcune osservazioni di Schlegel su Shakespeare e mi chiedo fino a che punto la rivoluzione digitale e mediatica degli ultimi decenni abbia mutato il processo di traduzione culturale, interrogandomi al contempo sul mio ruolo di 'partecipe osservatore'
Persistent Identifierhttp://hdl.handle.net/10722/204949
ISSN

 

DC FieldValueLanguage
dc.contributor.authorBiancorosso, Gen_US
dc.date.accessioned2014-09-20T01:14:14Z-
dc.date.available2014-09-20T01:14:14Z-
dc.date.issued2014en_US
dc.identifier.citationMusica Docta, 2014, Special issue, p. 105-109en_US
dc.identifier.issn2039-9715-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10722/204949-
dc.description.abstractIl saggio presenta in forma concisa alcune delle domande e suggestioni metodologiche emerse durante la mia attività di ricercatore e insegnante di musicologia a Hong Kong. L'ex colonia britannica presenta opportunità uniche a chi si voglia occupare di musica, anche occidentale colta. Quest'ultima è però preda dalla vocazione prettamente imprenditoriale della città, la quale, nel facilitare la promozione di attitivita' che in Italia fanno fatica a trovare adeguati finanziamenti, ne snatura il ruolo e le finalità. Hong Kong rimane per questo terreno fertilissimo per chi voglia osservare da vicino processi di acculturazione e mediazione. A conclusione dell'intervento, riprendo alcune osservazioni di Schlegel su Shakespeare e mi chiedo fino a che punto la rivoluzione digitale e mediatica degli ultimi decenni abbia mutato il processo di traduzione culturale, interrogandomi al contempo sul mio ruolo di 'partecipe osservatore'-
dc.languageitaen_US
dc.relation.ispartofMusica Doctaen_US
dc.titleA Global Vernacular? Musing on European Art Music in Hong Kongen_US
dc.titleUn Dialetto Globale? Riflessioni sulla musica d'arte Europea a Hong Kong-
dc.typeArticleen_US
dc.identifier.emailBiancorosso, G: rogopag@hku.hken_US
dc.identifier.authorityBiancorosso, G=rp01213en_US
dc.identifier.doi10.6092/issn.2039-9715/4313-
dc.identifier.doi10.6092/issn.2039-9715/4049-
dc.identifier.hkuros237819en_US
dc.publisher.placeUniversita degli Studi di Bologna, Dipartimento di Musica e Spettacolo. The Journal's web site is located at http://musicadocta.cib.unibo.it-
dc.publisher.placeItaly-

Export via OAI-PMH Interface in XML Formats


OR


Export to Other Non-XML Formats